La vera storia di Janet Hodgson

0 Condivisioni

LA VERA STORIA DI JANET HODGSON narra di un caso di poltergeist così terrificante da ispirare una famosissima pellicola cinematografica, The Conjuring 2 – Il Caso Enfield.

La vera storia di Janet Hodgson

Il poltergeist di Enfield è stato un caso di poltergeist accaduto tra l’agosto 1977 e il settembre 1978 a Enfield, cittadina a nord di Londra. A questo caso presero parte anche la famosa coppia di investigatori del paranormale Ed e Lorraine Warren. Per oltre 13 mesi, la famiglia Hodgson fu vittima di strani fenomeni che riguardavano la piccola Janet e in misura minore l’altra figlia Margaret.

Il caso Enfield

La vera storia di Janet Hodgson di Enfield inizia il 30 agosto del 1977, quando la famiglia Hodgson vive nella casa popolare al 284 di Green Street. Durante quella terrificante notte che segna l’inizio della vicenda, Janet Hodgson, allora undicenne, dice a sua madre che il proprio letto sobbalza. Peggy, la madre di Janet, non da peso a quelle parole e se ne pentirà.

La notte dopo, Janet e il fratello Johnny di 10 anni non riescono a dormire per via di fastidiosi rumori. In quella notte anche la loro madre sente dei rumori, le sembrano passi, così accorre dai figli e il terrore la fa da padrone… un mobile che si muove da solo, violenti colpi alle pareti e un incessante bussare prendono vita. La famiglia è sconvolta, il caso Enfield s’infittisce. Peggy chiamerà la polizia che affermerà di avere visto una sedia muoversi da sola.

Nei giorni seguenti i fenomeni s’intensificano e Peggy Hodgson contatta preti, medium e la stampa. Due giornalisti del Daily Mirror, il reporter Douglas Bence e il fotografo Graham Morris, videro alcuni mattoncini di Lego spostarsi e fluttuare in aria. Morris fu colpito sul viso da un mattoncino mentre cercava di fotografare l’incredibile fenomeno.

La lotta al Poltergeist di Enfield

Fu proprio un inviato del Daily Mirror a suggerire alla famiglia di contattare la Society for Psychical Research e quindi il caso Enfield finì per essere affidato a Maurice Grosse e Guy Playfair. Tra i vari fenomeni osservati vi furono raps (colpi, bussate), spostamenti di oggetti e di mobili, correnti fredde, pozze d’acqua che comparivano misteriosamente e piccoli incendi che si accendevano e si estinguevano spontaneamente.

Nella vera storia di Janet Hodgson ci furono anche numerosi disturbi di tipo elettromagnetico: molti apparecchi utilizzati per monitorare la situazione subivano dei guasti, i nastri dei giornalisti venivano danneggiati o addirittura cancellati, in certi casi le componenti metalliche interne di alcuni strumenti furono trovate inspiegabilmente piegate.

Accadde che Janet Hodgson inizia a essere scoperta e spintonata durante il sonno. Una sera, Grosse e Playfair tolgono ogni oggetto nella stanza per vedere cosa sarebbe accaduto e saranno svegliati da un frastuono destabilizzante, un camino nel piano superiore era stato staccato dal muro.

Janet Hodgson

Nel dicembre del 1977 inizieranno i fenomeni di lievitazione; la situazione sta degenerando sempre di più, la famiglia Hodgson sta vivendo un incubo a occhi aperti. Una sera, Janet si trovava a letto nella stessa stanza con Margaret e la madre, quando si sente afferrare per un braccio da mani gelide e tirare fuori dal letto. Lettori di Brividi Horror, dovete sapere che quella sera la sfortunata Janet Hodgson sarà trascinata verso la porta che si apre da sola e percorrerà mezza rampa di scale a testa in avanti prima di essere fermata da Grosse e Playfair.

Il faccia a faccia con il Poltergeist

Maurice Grosse decide di sfidare il poltergeist in un dialogo e nel giro di poco tempo una voce rauca e gutturale, simile a quella di uomo anziano ma proveniente da Janet, inizia a parlare con i presenti. Tra le varie identità assunte dalla voce, c’è quella di Bill Wilkins, un tempo inquilino della casa di Green Street.

“Sono diventato cieco, poi ho avuto un’emorragia, mi sono addormentato e sono morto su una sedia in un angolo al piano di sotto”, dice la voce di Bill Wilkins.

A distanza di poche settimane, Terry Wilkins, il figlio di Bill, confermerà la veridicità dei fatti, ai quali Janet era estranea.

Nella casa di Enfield faranno visita anche Ed e Lorraine Warren, che a differenza del film, si trattengono un solo giorno lì. Lorraine Warren dichiarerà di avere visto Janet e anche la sorella Margaret lievitare.

I fenomeni paranormali continueranno per ben 13 mesi, finché presero a diminuire fino a scomparire. Dal 2003 nella casa vive un’altra famiglia, ma la vera storia di Janet Hodgson rimane qualcosa d’incredibile e terrificante.

0 Condivisioni

Add Comment