Robert Pickton

0 Condivisioni

Per la rubrica sui serial killer, oggi parleremo di ROBERT PICKTON.

Robert Pickton

Robert Pickton, nato il 24 ottobre del 1949, è un serial killer canadese (soprannominato Pickton killer) accusato per la morte di 26 donne e che potrebbe averne assassinate 49, poiché dichiarò a un’agente sotto copertura che sognava di arrivare a 50 ma che gli mancava ancora una vittima.

Chi era Robert Pickton

Robert Pickton e suo fratello David possedevano una fattoria a Port Coquitlam, vicino Vancouver. Per molti la fattoria era un posto molto inquietante e Robert Pickton lo definirono come un uomo piuttosto tranquillo ma con un comportamento a volte bizzarro.

I fratelli Pickton diedero vita a un ente di beneficenza senza scopo di lucro nel 1996, la Piggy Palace Good Times Society, sostenendo di “organizzare, coordinare, gestire eventi speciali, balli, spettacoli e mostre per conto di organizzazioni di servizio, organizzazioni sportive e altri gruppi degni”. In realtà, i suoi eventi includevano anche rave e feste dedicate al sesso. I membri degli Hells Angels erano noti per frequentare la fattoria.

Il 23 marzo 1997, Robert Pickton fu accusato del tentato omicidio della prostituta Wendy Lynn Eistetter, che aveva accoltellato più volte durante un litigio nella fattoria. L’accusa è stata archiviata nel gennaio 1998.

Nonostante i Pickton furono citati in giudizio per le feste nella fattoria, accusandoli di trascurare l’agricoltura del luogo suddivisa in zone, nel 1998 organizzarono una festa di Capodanno. Questo portò a un’ingiunzione che vietava feste future e il possibile arresto di chiunque vi partecipasse.

Il serial killer Robert Pickton

Come ogni vicenda di cronaca nera, alcune donne che hanno frequentato la fattoria iniziarono a scomparire. In principio gli inquirenti non sospettarono di Robert Pickton, ma seguirono la pista del Green River Killer. Si sbagliano di grosso, perché il Pickton killer sta ammazzando molte donne senza pietà.

I problemi del serial killer Robert Pickton cominciano il 5 febbraio del 2002, quando alcuni agenti di polizia si recano alla sua proprietà in cerca di armi illegali e scoprono numerose prove che potrebbero farlo diventare il principale sospettato per le scomparse di alcune donne. Nella proprietà dei Pickton trovano molti oggetti personali delle vittime, una rivoltella cui è collegato un vibratore e siringhe piene di uno strano fluido blu.

Il 22 febbraio del 2002 il Pickton killer viene arrestato per l’omicidio di Sereena Abotsway e Mona Wilson. Da quel momento, andando in fondo con le indagini, gli inquirenti arrivano ad accertare ben 26 vittime. L’analisi forense si rivelò particolarmente ardua, poiché alcuni cadaveri erano stati lasciati a decomporsi e molti altri erano stati dati in pasto ai maiali nella fattoria. Il 10 marzo del 2004, il governo rese pubblico che Robert Pickton potrebbe avere macinato della carne umana insieme a quella di maiale e di averla venduta al pubblico. Il costo dell’indagine arrivò a costare per il governo ben 70 milioni di dollari.

La fine del serial killer

Durante il processo al serial killer Robert Pickton, furono presentate alla corte le seguenti prove:

1) Gli oggetti trovati dalla polizia nella proprietà di Robert Pickton: un revolver calibro 22 caricato con un dildo sulla canna e un colpo sparato, scatole di munizioni per pistole 357 Magnum, occhiali per la visione notturna, due paia di manette rivestite di pelliccia sintetica, una siringa con tre millilitri di liquido blu e la mosca spagnola (un afrodisiaco).

2) Una videocassetta di Scott Chubb (un amico del Pickton killer), dove il serial killer gli riferiva che un buon modo per uccidere una donna tossicodipendente era di iniettarle del liquido lavavetri. In un secondo nastro Pickton accenna all’idea di uccidere delle prostitute, ammanettandole, strangolandole e sventrandole prima di darle in pasto ai maiali.

3) Le fotografie del contenuto di un bidone della spazzatura trovato nel macello di Pickton, che conteneva alcuni resti di Mona Wilson.

Attualmente, per rendere il processo più snello e contenere gli esorbitanti costi, Robert Pickton è stato accusato soltanto di 6 omicidi e hanno al momento sospeso l’accusa per gli altri 20. Robert Pickton è stato condannato a vita in prigione, senza possibilità di libertà sulla parola per 25 anni; la pena più lunga per omicidio ai sensi della legge canadese al momento in cui è stato condannato. 

0 Condivisioni

Add Comment